Green Pass: i test validi (e quelli non validi)

A poco meno di 2 ore dall’introduzione del Green Pass obbligatorio in tutta Italia (da venerdì 6 agosto), facciamo chiarezza mettendo nero su bianco quali sono i test validi (e quelli non validi) per ottenere il Certificato Verde. Il riferimento è come sempre il sito istituzionale gestito dal Ministero della Salute, dove trova posto una sezione dedicata alle domande più frequenti sul tema.

Green Pass: i test validi

In breve, sono validi il test molecolare e il test antigenico rapido quando a eseguirlo sono operatori sanitari o personale addestrato, con il risultato trasmesso alla Piattaforma Nazionale per l’ottenimento del Green Pass. Nel dettaglio.

  • Test molecolare: permette di rilevare la presenza di materiale genetico (RNA) del virus. Questo tipo di test è effettuato su un campione di secrezioni respiratorie, generalmente un tampone naso-faringeo.
  • Test antigenico rapido inserito nell’elenco comune europeo: apre una nuova finestra dei test antigenici rapidi per COVID-19. Questo test effettuato tramite tamponi nasali, orofaringei o nasofaringei permette di evidenziare rapidamente (30-60 minuti) la presenza di componenti (antigeni) del virus. Deve essere effettuato da operatori sanitari o da personale addestrato che ne certifica il tipo, la data in cui è stato effettuato e il risultato e trasmette i dati per il tramite del Sistema Tessera Sanitaria alla Piattaforma Nazionale-DGC per l’emissione della Certificazione.

La durata della validità è quella nota ormai da tempo: 48 ore dal momento del prelievo.

Green Pass: i test non validi

Ad oggi non sono invece da ritenere validi gli autotest rapidi, i test salivari e i test sierologici. Questi non consentono di ottenere il Certificato Verde necessario a partire da venerdì 6 agosto per accedere a luoghi pubblici e attività come bar e ristoranti per il consumo al tavolo in un ambiente chiuso, spettacoli, eventi e competizioni sportive, musei e mostre, sagre, fiere e tutte le altre tipologie inserite nel decreto del 22 luglio.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Leggi altri articoli

Post Correlati

Un defibrillatore a portata di cuore

L’importanza di avere un defibrillatore in azienda pronto all’uso Ogni anno in Italia circa 60.000 persone sono colpite da arresto cardiaco: l’arresto cardiaco improvviso può colpire

Fine stato emergenza Covid 19

Ultime novità Covid 19: fine dello stato di emergenza A seguito della pubblicazione del DECRETO LEGGE N°24 del 24/03/2022, dal 1 APRILE 2022 vengono modificate le misure

Open chat
Posso aiutarti?
Salve,
Posso esserti utile?