Sanificazione e Sterilizzazione: quali differenze?

Dalla conferenza del Presidente del Consiglio, di Domenica 26 Aprile, si è capito che la Fase 2 in vigore dal 4 Maggio, sarà ancora molto dura e stringente per tutti i cittadini. Non molte attività potranno riaprire a pieno regime e, quelle autorizzate, dovranno occuparsi minuziosamente di tutte le attività di Sicurezza necessarie a garantire la tutela del personale.

In questo prolungato scenario di lotta al Covid-19, molti professionisti si sono adoperati per ottemperare alle importanti misure di contenimento: reperimento dei DPI, installazione di barriere protettive e attività di sanificazione ambientale.

Ma proprio su quest’ultimo punto ci sono degli interrogativi che persistono. Quali attività ci mettono davvero al riparo dal contagio? Come posso essere sicuro che l’attività programmata sia efficace? Che requisiti devono avere le aziende che offrono tali servizi?

Nel D.M.274/97 vengono differenziate le specifiche attività. In particolare vengono definite:

  • Attività di pulizia: quelle che riguardano il complesso di procedimenti e operazioni atti a rimuovere polveri, materiale non desiderato o sporcizia da superfici, oggetti, ambienti confinati ed aree di pertinenza;
  • Attività di disinfezione: quelle che riguardano il complesso dei procedimenti e operazioni atti a rendere sani determinati ambienti confinati e aree di pertinenza mediante la distruzione o inattivazione di microrganismi patogeni;
  • Attività di sanificazione: quelle che riguardano il complesso di procedimenti e operazioni atti a rendere sani determinati ambienti mediante l’attività di pulizia e/o di disinfezione e/o di disinfestazione ovvero mediante il controllo e il miglioramento delle condizioni del microclima per quanto riguarda la temperatura, l’umidità e la ventilazione ovvero per quanto riguarda l’illuminazione e il rumore.

Vogliamo essere più chiari e precisi.

DISINFEZIONE: misura profilattica di un processo chimico/fisico che diminuisce il livello di contaminazione microbica patogena in fase vegetativa (superfici o sostanze inerti).

STERILIZZAZIONE: distruzione irreversibile di qualsiasi forma di vita microbica presente in un determinato ambiente/materiale (spore comprese).

La grande differenza tra le due attività ruota attorno ad alcuni fattori chiave:

  1. tempi di interventi;
  2. tipologia di prodotti chimici utilizzati;
  3. tipologia di strumentazione o tecnologia utilizzata;

Per far fronte all’emergenza e supportarti nella fase di controllo e contenimento del Covid-19 siamo a tua disposizione per qualunque domanda di approfondimento o con i nostri servizi dedicati.

Condividi:

Facebook
LinkedIn
Leggi altri articoli

Post Correlati

Requisiti Manager HSE: quali sono?

QUALI REQUISITI DI CONOSCENZA, COMPETENZA ED ABILITÀ DEVE POSSEDERE IL HSE MANAGER?     Il Manager HSE deve possedere una conoscenza gestionale negli ambiti HSE

Manager HSE: la nuova figura professionale

Manager HSE: delineata una nuova figura professionale con competenze e abilità precise.     La UNI 11720:2018 pubblicata il 19/07/2018 dal titolo “Attività professionali non

Sicurezza antincendio in azienda

Sicurezza antincendio in azienda: nuovo Decreto GSA Siamo sempre più prossimi all’entrata in vigore (4 ottobre 2022) del Decreto GSA (Gestione Sicurezza Antincendio) nato il 2

Open chat
Posso aiutarti?
Salve,
Posso esserti utile?