Se ti appresti a rilasciare asseverazioni per i tuoi clienti ai fini del SuperBonus 110% ricorda che il Decreto Rilancio (D.L. 34/2020) introduce l’obbligo di una copertura assicurativa dedicata e specifica per l’attività di asseverazione (comma 14 dell’art. 119 del D.L. 34/2020). La “forma” di questa asseverazione ha generato la necessità di un prodotto di RC Professionale specificamente dedicato a questa attività.

Il quadro normativo

Al primo comma dell’art. 119 del Decreto Rilancio n.34/2020 che regolamenta il Superbonus 110%, si leggono le opere di efficientamento energetico soggette ad agevolazione fiscale: lavori di isolamento termico, interventi finalizzati alla sostituzione degli impianti, interventi per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti per il riscaldamento, messa in sicurezza sismica degli edifici. La norma eleva, quindi, al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute per specifici interventi in ambito di efficienza energetica e di interventi antisismici.

Esiste, inoltre, una gerarchia che distingue tra interventi principali trainanti e interventi secondari trainati, i cui incentivi possono essere richiesti solo se associati ad almeno uno dei lavori principali (es. l’installazione di impianti fotovoltaici, l’installazione di un sistema di accumulo, l’installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici, etc).

L’agevolazione è riconosciuta nella misura del 110%, entro i limiti di capienza dell’imposta annua derivante dalla dichiarazione dei redditi.

L’incentivo fiscale può essere richiesto dai contribuenti attraverso tre modalità differenti: la detrazione in dichiarazione dei redditi, in 5 quote costanti (in alcuni casi in 4 quote costanti); la cessione della detrazione, che favorisce l’immediata monetizzazione del vantaggio fiscale, in favore dei fornitori dei beni e dei servizi necessari alla realizzazione degli interventi, di altri soggetti (persone fisiche, esercenti attività di lavoro autonomo o d’impresa, società ed enti), di istituti di credito e intermediari finanziari. I soggetti che ricevono il credito hanno, a loro volta, la facoltà di cessione. Infine, il cittadino può usufruire dell’agevolazione attraverso la richiesta al fornitore di uno sconto in fattura, in questo caso le imprese che hanno effettuato i lavori riconoscono uno sconto fino al 100% e il beneficiario effettuerà gli interventi senza alcun esborso monetario.

Per esercitare l’opzione, il contribuente deve acquisire anche: