Le soft skills rappresentano un patrimonio personale e aziendale essenziale per potenziare la produttività all’interno dell’azienda. Che cosa sono le soft skills digitali? Sono competenze di tipo relazionale e comportamentale che consentono alle persone di utilizzare efficacemente i nuovi strumenti digitali. Partiamo da un dato importante: Standford Research Institute International afferma che il 75% del successo di un lavoro a lungo termine dipende dalla padronanza delle soft skills e solo il 25% da competenze tecniche.

Un valore come un 75% ci porta alla necessità di soffermarci sul valore delle soft skills e a questo punto possiamo integrarle perfettamente con il mondo digitale.

Le digital soft skill di base

Proviamo ad analizzare le 5 soft skills che possono fare la differenza in azienda:

1. Digital Mindset

Si può intendere come capacità relativa all’apertura al cambiamento, perché la trasformazione digitale è prima di tutto espressione di un’evoluzione sociale e culturale.

Aprirsi al mondo digitale, farsi incuriosire dalle nuove tecnologie digitali che la trasformazione digitale ci mette di fronte, essere sempre aggiornati sulle ultime novità legate al mondo digitale; fare uso della tecnologia per raggiungere precisi risultati professionali.

2. Digital Literacy

La Commissione Europea ha scomposto questa capacità in 3 sotto punti:

Si potrebbe definire come capacità di utilizzo dei nuovi media, che dà la possibilità di partecipare in modo attivo ad una società sempre più digitalizzata, mettendo in atto un processo per accedere, gestire, integrare e valutare le informazioni a partire da una vasta gamma di fonti accessibili tramite svariati dispositivi tecnologici.

3.  Digital Privacy

Si intende la capacità di proteggere la confidenzialità dei dati e delle informazioni in base agli strumenti e ai contesti di riferimento.
Per utilizzare in sicurezza gli strumenti digitali è di rilevanza sviluppare la capacità di proteggere la confidenzialità dei dati in base agli strumenti e ai contesti di riferimento, garantendo il corretto utilizzo della tecnologia.
Per proteggere i dati non è necessario alzare delle barriere, ma fare un uso corretto degli strumenti a propria disposizione.

4. Knowledge Networking

Si può intendere come la capacità di identificare, recuperare, organizzare, capitalizzare e condividere il patrimonio di informazioni all’interno di reti e di comunità virtuali.
La condivisione del sapere è uno degli elementi basilari della Digital Transformation. Al centro della condivisione ci sono i Blog, online community, cartelle condivise sul cloud, social network, piattaforme per la pubblicazione di articoli scientifici e/o accademici; strumenti utilizzabili per condividere contenuti, informazioni e materiali, ossia un sistema di conoscenze.

5. Virtual Communication

Con la digitalizzazione le dinamiche interpersonali e comunicative hanno subito una grande evoluzione. Per virtual comunication si può intendere la capacità di gestire relazioni e comunicazioni sui nuovi canali digitali, come la capacità di comunicare all’interno di una videoconferenza o utilizzare le messaggistiche dirette.
Bisogna conoscere i diversi canali di comunicazione che il digitale mette a disposizione e capire ogni specifico linguaggio da utilizzare. Per comunicare con efficacia sui canali digitali occorre non solo conoscere le specifiche dei vari canali ma soprattutto gli stili comunicativi che permettono di comunicare al meglio.