Certificati verdi covid-19 un pass per gli spostamenti a livello europeo
Studio Jonata Casini - Traning & Consulting

Strumenti e indicazioni per le aziende

21 Aprile 2021

Certificati verdi covid-19 un pass per gli spostamenti a livello europeo

Sta per essere approvato il decreto che definisce i certificati verdi aventi valore di un pass a livello Europeo, in attesa dei DGC-Digital Green Certificate.
Si tratta di un regime volontario che a nostro avviso potrà essere utilizzato in tantissimi ambiti come lasciapassare in ambito lavorativo, turistico e per l’accesso ai mezzi di trasporto.
Per certificazioni verdi Covid-19 si intende “le certificazioni comprovanti lo stato di avvenuta vaccinazione contro il SARS-CoV-2 o guarigione dall’infezione da SARS-CoV-2, ovvero 6 l’effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus SARSCoV-2”.
Per l’emissione dei certificati verdi è prevista una “Piattaforma Nazionale DGC per l’emissione e validazione delle certificazioni verdi Covid19” ovvero un “sistema informativo nazionale per il rilascio e la verifica e l’accettazione di certificazioni Covid-19 interoperabili a livello nazionale ed europeo”.
Le certificazioni verdi attestano una delle seguenti condizioni:
a) avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, al termine del prescritto ciclo;
b) avvenuta guarigione da COVID-19, con contestuale cessazione dell’isolamento
c) effettuazione di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo al virus SARS-CoV2.
Durata
La certificazione verde Covid-19 nel caso a) e b) ha una validità di sei mesi ed è rilasciata in formato cartaceo o digitale, su richiesta dell’interessato, dalla struttura sanitaria che effettua la vaccinazione o dalla struttura presso la quale è avvenuto il ricovero del paziente affetto da COVID-19 o dai medici di medicina generale.
La certificazione verde Covid-19 di cui al caso c), ha una validità di quarantotto ore dal rilascio ed è prodotta, su richiesta dell’interessato, in formato cartaceo o digitale, dalle strutture sanitarie pubbliche da quelle private autorizzate e accreditate e dalle farmacie che svolgono i test, ovvero dai medici di medicina generale o pediatri di libera scelta.
Mutuo riconoscimento a livello Europeo
Le certificazioni verdi rilasciate negli altri Stati membri dell’Unione europea sono riconosciute come equivalenti a quelle Italiane e viceversa e rappresentano un regime transitorio a livello Europeo in attesa di un quadro Europeo per il rilascio, la verifica e l’accettazione di certificazioni interoperabili relativi alla vaccinazione, ai test e alla guarigione per agevolare la libera circolazione all’interno dell’Unione Europea durante la pandemia di COVID-19 che abiliteranno l’attivazione della Piattaforma Nazionale PN-DGC per l’emissione del DGC-Digital Green Certificate interoperabile a livello europeo.

Related Posts
Potrebbero interessarti:
Open chat
Posso aiutarti?
Salve,
Posso esserti utile?