Project Management: 50 termini da conoscere

Ti piace organizzare le singole attività e le scadenze che compongono un progetto. Sei intelligente e pronto a gestire progetti, budget, risorse e team su larga scala. La tua brillante carriera come celebre project manager ti aspetta in un futuro molto prossimo.

Consulenza aziendale e finanziaria

Stai già camminando come un project manager, ma devi parlare del discorso. Le battute in sala riunioni sono pesanti di acronimi e probabilmente hai bisogno di un rapido aggiornamento per stare al passo.

Prima di tutto, cos’è la gestione dei progetti?

Ottima domanda. La gestione del progetto è l’applicazione di strategie, abilità e strumenti per raggiungere un obiettivo specifico, che è il più delle volte (rullo di tamburi!), un progetto.

Ogni progetto inizia da un’idea che deve essere pianificata, organizzata, eseguita, gestita, monitorata, completata e misurata per il successo finale. I project manager (come te!) sovrintendono a tutti questi aspetti, oltre alle singole attività, tempistiche, budget, ambito e risorse necessarie per il successo.

Nessun problema, hai questo. Ora per i termini che dovresti conoscere (in ordine alfabetico per un riferimento super rapido).

50 Termini di gestione del progetto che dovresti conoscere

1. Agile

Agile è un metodo di lavoro rapido progettato per adattarsi ai rapidi cambiamenti. I team sono spesso piccoli e lavorano in brevi sprint senza lunghi processi o blocchi per rallentarli.

2. Arretrato

Un backlog è un elenco completo di attività che costituiscono l’intero ambito del progetto. Le attività, o risultati, in un backlog sono organizzate ed eseguite in ordine di priorità.

3. Linea di base

Una linea di base è un piano o una stima originale per la sequenza temporale, il budget, l’ambito e gli obiettivi di un progetto. È un tracker importante per confrontare i progressi e apportare modifiche.

4. Bloccante

I bloccanti letteralmente bloccano o rallentano la strada da seguire e dovrebbero esser

e anticipati e rimossi in anticipo. Questi impedimenti del progetto vanno dalle complicazioni tecnologiche ai vincoli di budget.

5. Collo di bottiglia

Un collo di bottiglia restringe e restringe il flusso, il ritmo e la capacità di un progetto. Potrebbero essere le parti interessate che hanno troppi risultati da approvare o processi che possono essere sovraccaricati.

6. Brainstorming

Il brainstorming è uno strumento per l’ideazione e soluzioni creative. Le sessioni di brainst

orming seguono una varietà di tecniche diverse , ma la chiave è raccogliere molte idee e trovare il meglio in esse.

7. Bilancio

Un budget è il costo totale stimato per completare un progetto. I costi del progetto devono essere calcolati come somma totale delle parti e includere fasi del progetto, attività, costi operativi, manodopera e strumenti o servizi necessari.

8. Caso di studio

I casi di studio sono risorse che approfondiscono i casi d’uso e i vari approcci alla gestione dei progetti. Di solito sono studi basati sulla ricerca che aiutano un aspetto del processo decisionale.

9. Gestione del cambiamento

La gestione del cambiamento è, beh, letteralmente come gestire e controlla

re i cambiamenti all’interno di un’organizzazione, un team o un progetto. Questo metodo mira a mantenere il controllo e l’efficienza quando vengono apportate modifiche.

10. Piano di emergenza

Un piano di emergenza è un piano dettagliato di backup di emergenza su come gestire efficacemente eventuali interruzioni o disastri a breve e lungo termine che potrebbero verificarsi durante il progetto.

11. Metodo del percorso critico (CPM)

Critical Path Method , o CPM, è una tecnica di modellazione per la pianificazione di un progetto passo dopo passo. È un algoritmo basato su quanto tempo impiegherà ciascuna attività e aiuta a determinare l’ordine delle attività e la sequenza temporale per l’intero progetto.

12. Cruscotto

I dashboard sono strumenti digitali che supportano una migliore gestione di progetti, team e attività. Sono un hub centralizzato di informazioni organizzate, membri del team e comunicazione online e spesso dispongono di strumenti visivi come l’analisi.

13. Prodotti da consegnare

Tutti i progetti hanno uno o più risultati finali, che sono i risultati forniti durante o alla fine di un progetto. Questi output sono prodotti e/o servizi, come report, aggiornamenti dei servizi, materiali di marketing o merci.

14. Earned Value Management (EVM)

Earned Value Management, o EVM, è un modo importante per misurare le prestazioni e i progressi di un progetto. Viene calcolato in base all’ambito del progetto, alla sequenza temporale e al costo.

15. Monitoraggio rapido

Il monitoraggio rapido è un modo per accelerare l’avanzamento di un progetto e ridurre i tempi di consegna, cosa che spesso viene eseguita eseguendo più attività contemporaneamente o rimuovendo attività non necessarie.

16. Diagramma di Gantt

Un diagramma di Gantt è un grafico a barre per la pianificazione delle attività di progetto in cui le attività vengono misurate (sull’asse Y) rispetto al tempo (sull’asse X). Questo è un ottimo modo per vedere quanto tempo impiegherà ogni attività all’interno di un intero progetto e tenere traccia dei progressi.

17. Gestione dei problemi

La gestione dei problemi è un modo per vedere e risolvere i problemi. Questo può essere fatto in passaggi che includono: scansione per problemi, identificazione, valutazione e priorità, strategia, risposta al problema e monitoraggio dei risultati.

18. Riunione d’inizio

Il kickoff meeting è il primo incontro all’inizio di un progetto con le parti interessate e i membri del team.

19. Verbale della riunione

I verbali delle riunioni sono appunti presi durante una riunione che spesso includono aspetti chiave e passaggi successivi.

20. Pietra miliare

Le pietre miliari sono punti chiave nella sequenza temporale di un progetto che possono essere utilizzati come indicatori per celebrare e valutare i progressi.

21. Missione critica

La missione critica può riferirsi a qualsiasi fattore critico per il successo di un progetto o al pro

getto stesso che è fondamentale per il successo di un’organizzazione.

22. Grafico PERT

Un grafico PERT, acronimo di Program Evaluation Review Technique, è uno strumento di gestione dei progetti utilizzato per organizzare facilmente attività e scadenze.

23. Appalti

Approvvigionamento significa ottenere beni, servizi e/o forniture. Per i progetti, questo sign

ifica raccogliere tutto il necessario per completare un progetto.

24. Vincoli di progetto

I vincoli di progetto sono tutti i fattori che possono limitare il successo di un progetto come rischi, ambito, tempistica, budget e problemi di qualità.

25. Ciclo di vita del progetto

Un ciclo di vita di un progetto è costituito dalle fasi che un progetto attraversa dall’inizio alla pianificazione, esecuzione e completamento.

26. Software di gestione dei progetti

Simile a un dashboard di gestione del progetto, questo software viene utilizzato per tutti gli aspetti della gestione del progetto, dalla pianificazione e allocazione delle risorse alla comunicazione tra le parti interessate e i membri del team.

27. Responsabile del progetto

La persona responsabile di tutti gli aspetti coinvolti nella pianificazione, avvio, esecuzione, completamento e risultati di un particolare progetto.

28. Piano di progetto

Un piano di progetto è un documento approvato creato prima dell’esecuzione di un progetto che include l’ambito, la tempistica e il costo di un progetto e funge da linea guida per tutto il tempo.

29. Controllo di qualità

Il controllo qualità è un modo standardizzato per garantire che un prodotto, servizio o progetto soddisfi le aspettative di qualità di un’organizzazione e dei suoi clienti.

30. Grafico RACI

RACI sta per responsabile, responsabile, consultato e informato. Questo grafico è un modo per assegnare ruoli e responsabilità alle parti interessate e ai membri del team sulle attività del progetto.

31. Segnalazione

La creazione di report nella gestione del progetto è un modo visivo per controllare lo stato, l’avanzamento o i risultati di un progetto. Viene spesso eseguita durante il ciclo di vita di un progetto e aiuta a gestire le aspettative e confrontare i risultati rispetto a una linea di base.

32. Allocazione delle risorse

L’allocazione delle risorse è l’atto di riconoscere e assegnare le migliori risorse disponibili (spesso all’interno di un budget) a un particolare progetto.

33. Risorse

Le risorse sono qualsiasi cosa o chiunque sia necessario per completare un progetto o un’attività. Questo può variare dal talento (persone) alle finanze, al tempo, ai servizi e agli strumenti.

34. Gestione del rischio

Questo è il processo di ricerca, identificazione, valutazione, risposta e gestione dei rischi che potrebbero avere un impatto su un progetto. I rischi possono variare dalle interruzioni del servizio alla riallocazione delle risorse.

35. Mitigazione del rischio

La mitigazione del rischio è una strategia in cui la probabilità del rischio o il suo impatto su un progetto viene ridotta al minimo adottando determinate precauzioni a seconda del tipo di rischio.

36. Proprietario del rischio

Un proprietario del rischio è una persona che ha la responsabilità della gestione e mitigazione del rischio.

37. Campo di applicazione

L’ambito è uno schema dei confini di tutti gli aspetti di un progetto e include budget, tempistiche, risultati finali, attività, aspettative e così via.

38. Scopo di scorrimento

Lo scope creep si verifica quando l’ambito di un progetto si espande in modo incontrollabile e inizia a richiedere tempo e risorse da altre allocazioni.

39. Mischia

Come la gestione agile dei progetti, Scrum è un metodo per lavorare con sprint brevi e veloci. I piccoli team si concentrano spesso sullo sviluppo continuo dei risultati del progetto, mentre un leader lavora per rimuovere gli ostacoli.

40. Lasco

Slack (o float) è la quantità massima di tempo in cui un’attività può essere ritardata fino a quando non influisce sulla sequenza temporale di un progetto. Le attività senza gioco sono fondamentali da completare prima di altre con

maggiore flessibilità.

41. Sprint

In Scrum e nella gestione agile dei progetti, i team lavorano in un ciclo di sviluppo continuo di brevi sprint. Uno sprint è u

na quantità di tempo predeterminata per completare un ciclo, un’iterazione o un’attività all’interno di un progetto.

42. Stakeholder

Gli stakeholder sono tutti gli individui, i team o le organizzazioni che possono essere influenzati dal risultato di un progetto o da un aspetto di esso, e potrebbero dover essere presi in considerazione o consultati durante tutto il processo.

43. Rapporto sullo stato

Un rapporto sullo stato riassume lo stato di avanzamento di un progetto fino ad oggi e si basa sul piano di progetto iniziale. Aiuta a mantenere le parti interessate informate, mitigare i rischi e gestire i blocchi durante tutto il ciclo di vita del progetto.

44. Analisi SWOT

SWOT sta per punti di forza, debolezze, opportunità e minacce. I project manager analizzano ques

ti fattori chiave per i progetti per comprendere meglio i potenziali rischi e opportunità.

45. Gestione delle attività

Il processo di gestione di tutti gli aspetti delle attività all’interno di un progetto, dalla supervisione dei team che lavorano su elementi pubblicitari specifici all’organizzazione dei dettagli e delle tempistiche delle singole attività.

46. ​​Cronologia

Una ripartizione di tutte le attività e le attività all’interno di un particolare progetto organizzato in ordine cronologico con una data di inizio e di fine.

47. Caso d’uso

I casi d’uso sono tutti i modi in cui un utente finale può utilizzare un prodotto o servizio e possono essere utili per comprendere l’ambito e i requisiti di un progetto.

48. Cascata

A differenza della pianificazione del progetto Agile, il tradizionale metodo Waterfall funziona in sequenza attraverso fasi di progetto chiaramente stabilite ed è spesso utilizzato in progetti fissi su larga scala.

49. Struttura di ripartizione del lavoro (WBS)

Questa è una suddivisione facilmente digeribile e organizzata di un progetto in sezioni gerarchiche e le attività all’interno di ciascuna.

50. Lavori in corso (WIP)

WIP è un lavoro pre-approvato (o manodopera, materiali e altre spese di progetto) che deve ancora essere fatturato ma è completato o in qualche modo completato. Nella gestione delle attività, significa che l’attività è attualmente in lavorazione e verrà consegnata a breve.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Leggi altri articoli

Post Correlati

Un defibrillatore a portata di cuore

L’importanza di avere un defibrillatore in azienda pronto all’uso Ogni anno in Italia circa 60.000 persone sono colpite da arresto cardiaco: l’arresto cardiaco improvviso può colpire

Fine stato emergenza Covid 19

Ultime novità Covid 19: fine dello stato di emergenza A seguito della pubblicazione del DECRETO LEGGE N°24 del 24/03/2022, dal 1 APRILE 2022 vengono modificate le misure

Open chat
Posso aiutarti?
Salve,
Posso esserti utile?