Organizzazione Aziendale: i 10 Principi

L’Organizzazione Aziendale non è solo buon senso: esistono alcuni principi basilari che vanno sempre tenuti presente. Proviamo ad elencarli.

Ogni azienda è un sistema complesso, ovvero un insieme di risorse strettamente interconnesse le cui attività dovrebbero convergere verso pochi, fondamentali obiettivi comuni.

In qualità di sistema, una azienda è molto più che la semplice somma dei singoli elementi, per via delle forti relazioni che esistono tra di essi. Questo patrimonio di connessioni è estremamente prezioso e pertanto necessita di essere gestito ed indirizzato.

L’organizzazione aziendale è un universo di principi generali, approcci metodologici e tecniche specifiche che danno risposta esattamente a questa esigenza. E’ difficile delineare esattamente i confini dell’organizzazione aziendale, in quanto è un terreno vasto e non privo di scuole di pensiero in apparente contraddizione.

Sulla base della nostra esperienza, però, proveremo a delineare dieci principi di base dell’organizzazione aziendale che a mio avviso dovrebbero essere il punto di riferimento di ogni manager. In pratica, ciò che non troverete sui libri di organizzazione, e che invece vorrei darvi, è una sorta di “checklist” per capire come la vostra azienda è posizionata rispetto ai temi fondamentali dell’organizzazione aziendale.

Non parlerò qui di tecniche specifiche, ma di principi generali, validi sia al di là delle singole funzioni aziendali, sia del settore di appartenenza dell’azienda.

Ultima piccola nota: parliamo di organizzazione, quindi non ci occuperemo, di argomenti come la pianificazione strategica, che in ordine logico si colloca “prima” dell’organizzazione e ne è un prerequisito.

Ecco i “miei” dieci principi:

  1. SCEGLIERE LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA PIU’ APPROPRIATA
  2. DEFINIRE CHIARAMENTE MANSIONI E RUOLI, ADOTTARE LA DELEGA COME PRINCIPIO
  3. RICERCARE L’INNOVAZIONE DI PROCESSO CONTINUA, IMPLEMENTARE PROCESSI EFFICIENTI E STANDARDIZZATI
  4. DEFINIRE INDICATORI DI PERFORMANCE E CONTROLLO
  5. STABILIRE E CONDIVIDERE OBIETTIVI, DA GENERALI AD OPERATIVI, DA SISTEMICI A INDIVIDUALI
  6. MISURARE ED INCENTIVARE SULLA BASE DEGLI OBIETTIVI
  7. IMPLEMENTARE SISTEMI DI COMUNICAZIONE, COORDINAMENTO E REPORTING, SVILUPPARE I SISTEMI INFORMATIVI
  8. GESTIRE CORRETTAMENTE LE PRIORITÀ ED I CARICHI DI LAVORO
  9. ADOTTARE UN APPROCCIO SISTEMICO CON FOCUS SUI VINCOLI
  10. PERSEGUIRE IL MIGLIORAMENTO CONTINUO

Condividi:

Facebook
LinkedIn
Leggi altri articoli

Post Correlati

Requisiti Manager HSE: quali sono?

QUALI REQUISITI DI CONOSCENZA, COMPETENZA ED ABILITÀ DEVE POSSEDERE IL HSE MANAGER?     Il Manager HSE deve possedere una conoscenza gestionale negli ambiti HSE

Manager HSE: la nuova figura professionale

Manager HSE: delineata una nuova figura professionale con competenze e abilità precise.     La UNI 11720:2018 pubblicata il 19/07/2018 dal titolo “Attività professionali non

Sicurezza antincendio in azienda

Sicurezza antincendio in azienda: nuovo Decreto GSA Siamo sempre più prossimi all’entrata in vigore (4 ottobre 2022) del Decreto GSA (Gestione Sicurezza Antincendio) nato il 2

Open chat
Posso aiutarti?
Salve,
Posso esserti utile?